La produzione

Il processo parte esclusivamente da mosto cotto, non sono presenti fosfati aggiunti (potrebbero esserci residui di solfiti derivati dal mosto cotto), non reso più denso con caramello o altri tipi di addensanti.

Il mosto cotto viene successivamente invecchiato in batterie di botti che hanno dimensioni e legni differenti. Ogni anno si effettuano i travasi ed i rincalzi, ovvero la botte più piccola si riporta a livello con il contenuto della seconda botte più piccola, e così via con i rincalzi scalari fino alla botte più grande. L’ultimo barile si rincalza con il mosto cotto fermentato dello stesso anno o dell’anno precedente. Il susseguirsi delle stagioni, dall’estate all’inverno, aiuta i processi chimici con le forti escursioni termiche che si verificano nel luogo tipico dell’acetaia: il sottotetto.

Perché possa essere commercializzato l'aceto è sottoposto periodicamente ad analisi chimiche e sensoriali.


I nostri prodotti

A seconda degli anni di lento e paziente invecchiamento il prodotto si affina, si addolcisce e si addensa e può avere una ampia possibilità di utilizzo in cucina.

A seconda del gusto personale può essere utilizzato sia durante le preparazioni in cucina (ad esempio per marinare carne/pesce/verdure o mantecare un risotto...) oppure "a crudo" su verdure crude/cotte, su pietanze salate o dolci... non si finiscono mai di scoprire nuovi abbinamenti che allietano il palato.

 

Di seguito alcune indicazioni specifiche riguardanti i nostri prodotti:

 

BALSAMICO PAGANI ART. 7

Condimento giovane, dal sapore acceso e vivace. 

utilizzo: Ideale come condimento "rustico" per insalate. Versare a piacere su insalate di verdure. Può anche essere creata una emulsione con olio e sale, sempre per lo stesso utilizzo.

 

BALSAMICO PAGANI ART. 10

Condimento giovane, ma dal sapore più costruito e consistente.

utilizzo: Indicato per la preparazione in cucina di risotti, brasati, frittate, scaloppine. Può essere utilizzato proprio durante la cottura per insaporire la pietanza che in questo caso cuocerà su un letto di balsamico. Come per l'Aceto Pagani N°7 è ottimo anche come condimento per insalate.

 

BALSAMICO PAGANI ART. 15

Dal percorso più corposo e dall'aroma più deciso e delicatamente dolce. Al palato si presenta con una fase armonica dolce-acida per poi passare ad un retrogusto deciso e persistente.

utilizzo: Indicato da usare "a crudo". Un filo di aceto su carni, formaggi, fragole o gelato per rendere speciale e prezioso anche il piatto più semplice.

 

BALSAMICO PAGANI ART. 25

Dall’aroma intenso inconfondibile e dalla consistenza densa e cremosa.

utilizzo: Indicato da usare "a crudo" sulle pietanze più pregiate.

 

BALSAMICO PAGANI ART. 25 Ginepro

Invecchiato esclusivamente in botti di Ginepro. Questo legno conferisce un aroma leggermente speziato ed un leggero sentore di grafite... in grado di far riaffiorare ricordi di infanzia 

utilizzo: Indicato da usare "a crudo" sulle pietanze più pregiate.

 

BALSAMICO PAGANI ART. 40

Ha raggiunto ottime posizioni nelle graduatorie delle due principali manifestazioni locali "Il Palio Matildico - della Consorteria dell'Aceto Balsamico di Reggio Emilia" (6° classificato nel 2003 - 3° classificato nel 2006) ed "Il Palio di San Giovanni - della Consorteria dell'Aceto Balsamico di Modena" (8° classificato nel 2004).

utilizzo: Indicato da usare "a crudo" sulle pietanze più pregiate oppure per semplice degustazione. 

 

BALSAMICO PAGANI BIANCO

Condimento ottenuto da mosto cotto di uve bianche Trebbiane ed aceto di vino. 

utilizzo: Ideale come condimento per insalate. Versare a piacere su insalate di verdure crude e cotte.


L'etichetta

Nulla è automatizzato... ci teniamo molto al "sapore" artigianale della nostra attività, a partire dalle nostre inconfondibili etichette pergamena: scritte a mano e ritagliate manualmente una ad una.

Per un contenuto così prezioso riteniamo importante che anche l'etichetta e tutto il packaging siano fatti artigianalmente e col cuore.